Certificazione del sistema di qualità

Richiesta informazioni

Campi non compilati correttamente.
Grazie! Richiesta inoltrata con successo

Associazione temporanea di impresa

Una forma di collaborazione fra imprese è la "Associazione Temporanea di Imprese" (ATI), utilizzata quando l'impresa singola non ha la capacità economico-finanziaria richiesta per effettuare i lavori in proprio. In tal caso si coordina con altre imprese per far ripartire i lavori in base alla specializzazione di ciascuna di esse.
Questa forma è largamente utilizzata negli appalti di opere e di servizi da parte degli enti pubblici.

Negli appalti spesso sono richieste delle specializzazioni che non sempre una impresa sola è dotata e pertanto si associa con altre per eseguire insieme le attività.
Tali raggruppamenti sono temporanei, non danno luogo ad un nuovo soggetto giuridico e si sciolgono automaticamente con la completa ed esatta esecuzione dei lavori.

Il Codice degli appalti regolamenta i rapporti e le modalità operative di tali collaborazioni sia nei rapporti interni che nei confronti dell'ente appaltante denominato "Stazione Appaltante".
Tutte le imprese partecipanti dovranno conferire un mandato collettivo speciale con rappresentanza ad una impresa denominata "Capogruppo" che rappresenta le imprese partecipanti nei confronti della stazione appaltante.
L'ente appaltante tiene i rapporti con l'impresa capogruppo essendo non opponibile al medesimo ente tutte le problematiche interne alle imprese associate.

Nell'ATI vengono stabilite la suddivisione dei lavori o delle opere, le responsabilità in quanto ciascuna impresa associata conserva un'autonomia gestionale e fiscale anche se nei confronti dell'ente appaltante la responsabilità é solidale.

È un'aggregazione temporanea diversa dalle altre forme di aggregazioni come può essere ad esempio il consorzio.

L'ATI può essere già costituita per partecipare all'opera pubblica oppure può costituirsi successivamente all'aggiudicazione della gara.
L'ATI può essere di "tipo orizzontale" quando la collaborazione riguarda imprese che hanno attività omogenei. È invece di "tipo verticale" quando è composta da una società specializzata nella categoria di attività principale e le altre imprese sono specializzate in attività secondarie.

Il ricorso a tali tipi di raggruppamenti di solito è legato ad un appalto, ad una gara pubblica e può avere contenuti i più diversi: dalla costruzione di un'opera pubblica, all'esecuzione di servizi più vari.