+39 045 8650274
Certificazione del sistema di qualità
Mario Sartori: Studio Notarile Grezzana Verona

Richiesta informazioni

Campi non compilati correttamente.
Grazie! Richiesta inoltrata con successo

La collazione ereditaria, l'atto che ricompone il patrimonio del de cuius

La collazione ereditaria, l'atto che ricompone il patrimonio del de cuius

La collazione ereditaria è l'atto con il quale gli eredi del defunto, che siano essi coniuge o discendenti, conferiscono alla massa ereditaria tutti i beni mobili ed immobili da questo ricevuti a titolo di donazione quando era ancora in vita.
La collazione quindi è un obbligo a carico degli eredi che ha essenzialmente lo scopo di ricomporre il patrimonio del de cuius in modo da poter procedere ad una corretta suddivisione delle quote dell'eredità.


Collazione ereditaria: significato

Collazione ereditaria significato: la parola "collazione" deriva dal latino "collatio -onis", ovvero conferimento, confronto, ed è anche un derivato di "collatus", participio passato di "conferre", ovvero portare insieme, confrontare. Il suo scopo è quindi quello di ricostituire la massa ereditaria del de cuius in modo da poter effettuare la divisione attribuendo a ciascuno degli eredi la giusta quota di patrimonio, a prescindere dal fatto che il defunto, quando era ancora in vita, avesse effettuato delle donazioni di beni ad un erede in particolare.


Collazione ereditaria: i soggetti coinvolti

L'articolo 737 del Codice Civile indica che i soggetti su cui ricade l'obbligo di effettuare la collazione ereditaria sono i figli, loro discendenti ed il coniuge del defunto. Ogni erede deve quindi conferire agli altri coeredi tutti quei beni che egli ha ricevuto in donazione direttamente o indirettamente, dal defunto.
Una deroga all'obbligo di effettuare la collazione da parte di questi soggetti è dato dalla dispensa contenuta nel testamento o nella donazione stessa. 
La dispensa è una clausola che esonera l'erede/donatario di effettuare il conferimento dei beni alla massa ereditaria. Per evitare la collazione il chiamato all'eredità deve rinunciare all'eredità.
Resta inteso che la dispensa dalla colazione produce effetti nel limite della disponibile.


Collazione ereditaria: oggetto

Oggetto di collazione è qualsiasi tipo di donazione effettuata dal de cuius quando era in vita.
Ad esempio, l'intestazione di beni ad altri, ai negozi misti con donazione; sono soggette a collazione anche le spese fatte per aiutare i figli ad aprire un'attività lavorativa o pagare i loro debiti o pagare i premi dell'assicurazione sulla vita a loro favore.

Non rientrano nella collazione ereditaria:
-le donazione ricevute come compenso per dei servizi resi;
-le spese di mantenimento, educazione  ed istruzione;
-le spese per l'istruzione artistico-professionale a meno che non eccedano la misura ordinaria tenuto conto delle condizioni economiche del defunto;
-le spese per corredo nuziale a meno che non eccedano la misura ordinaria tenuto conto delle condizioni economiche del defunto;
-le spese ordinarie per l'abbigliamento;
-le spese sostenute per malattia;
-le donazione di modico valore.


Collazione ereditaria: procedimento

Come funziona il procedimento della collazione? Trattandosi di beni immobili, l'erede che ha ricevuto una donazione può conferire il bene in natura che cessa così di essere di sua proprietà, oppure può conferirlo per imputazione offrendo cioè una somma di denaro corrispondente al valore del bene al momento della successione. Qui però si pone il problema fiscale della tassazione di questo atto di conferimento alla massa del bene donato, atto che dovrebbe scontare l'imposta a tassa fissa.

Per quanto riguarda la collazione di beni mobili, questa può essere effettuata solo mediante conferimento per imputazione cioè in denaro.

La regola generale della collazione è che il valore del bene oggetto della donazione mobile o immobile va calcolato al momento della successione, indipendentemente dal fatto che al momento della donazione avesse un valore maggiore o inferiore.