+39 045 8650274
Certificazione del sistema di qualità
Mario Sartori: Studio Notarile Grezzana Verona

Richiesta informazioni

Campi non compilati correttamente.
Grazie! Richiesta inoltrata con successo

I° puntata DL. 4/5/2016 n. 59: il pegno non possessorio

I° puntata DL. 4/5/2016 n. 59: il pegno non possessorio

Il pegno in linea generale è la garanzia sui beni mobili data dal debitore al creditore che comporta lo spossessamento del bene dal proprietario. Con tale nuovo strumento come previsto dal decreto, l'imprenditore iscritto al registro delle Imprese per garantire finanziamenti inerenti l'attività di impresa può concedere in pegno beni mobili (diversi dai beni mobili registrati autoveicoli) destinati all'esercizio della sua attività imprenditoriale beni che però rimangano nella sua disponibilità.

I beni mobili devono essere determinati o determinabili, presenti o futuri: potrebbero essere i macchinari, le scorte di magazzino o i beni in corso di lavorazione. Il pegno sarà iscritto in un apposito registro informatico (da istituirsi) presso l'Agenzia delle Entrate e dovrà risultare da atto scritto.

L'iscrizione avrà durata decennale salvo rinnovo. In caso di inadempimento il venditore potrà procedere alla vendita del bene e soddisfarsi sul ricavato fino al concorrenza della somma garantita: l'eventuale eccedenza dovrà essere data al debitore.
Il "Sole 24 Ore" del giorno 04-05-2016