+39 045 8650274
Certificazione del sistema di qualità
Mario Sartori: Studio Notarile Grezzana Verona

Richiesta informazioni

Campi non compilati correttamente.
Grazie! Richiesta inoltrata con successo

Disposizioni Anticipate di Trattamento, il consenso informato

Disposizioni Anticipate di Trattamento, il consenso informato

La legge n. 219 del 22 dicembre 2017 ha regolamentato la normativa in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento. Viene affermata la tutela del diritto alla vita, alla salute, alla dignità ed alla autodeterminazione della persona: da ciò deriva il rapporto di fiducia tra paziente e medico che si fonda sul consenso libero e informato.


Diritto all' informazione

L' art. 1 comma 3 stabilisce che  ogni persona ha il diritto di conoscere la propria condizione di salute e di essere informato in modo completo, aggiornato e comprensibile riguardo alla diagnosi, alla prognosi, ai benefici, ai rischi degli accertamenti sanitari diagnostici e dei trattamenti sanitari e alle possibili alternative. Il paziente può rifiutare di ricevere le informazioni, ovvero può indicare i familiari o una persona di sua fiducia incaricati di riceverle e di esprimere il consenso.


Traccia scritta dell'informazione

Tutte queste operazioni devono essere registrate nella cartella clinica e nel fascicolo sanitario elettronico e devono risultare da atto scritto o tramite videoregistrazioni o altri dispositivi che consentono di comunicare.


Diritto al rifiuto

Viene affermato il principio che ogni persona capace di agire ha il diritto di rifiutare qualsiasi accertamento diagnostico o di trattamento sanitario indicato e di revocare il consenso prestato.


Ambito dei trattamenti sanitari

La nuova legge precisa che costituiscono trattamenti sanitari la nutrizione artificiale e l'idratazione artificiale e afferma che il paziente può rifiutare o ricevere tali trattamenti necessari alla sopravvivenza: spetterà al medico prospettare le conseguenze derivanti da tale decisione ed attivarsi per promuovere azioni di sostegno anche psicologico al paziente.


Obbligo di rispetto delle volontà del paziente

Il medico che rispetta la volontà del paziente di rinunciare o rifiutare trattamenti sanitari è esentato da responsabilità civile e penale.
Il paziente non può pretendere trattamenti sanitari contrari a norma di legge, alla deontologia e alle buone pratiche clinico-assistenziali.


L'uso delle cure palliative e divieto di trattamenti inutili

È compito del medico adoperarsi per alleviare le sofferenze del paziente ricorrendo alla terapia del dolore e alla cura palliativa astenendosi da trattamenti inutili e sproporzionati.  È ammessa,  anche nei casi più gravi, la sedazione palliativa profonda continua.


Pazienti minori e incapaci

Per i soggetti incapaci il consenso sarà presentato del legale rappresentante avendo sempre di mira la tutela della salute e il rispetto della dignità del soggetto.