+39 045 8650274
Certificazione del sistema di qualità
Mario Sartori: Studio Notarile Grezzana Verona

Richiesta informazioni

Campi non compilati correttamente.
Grazie! Richiesta inoltrata con successo

Adeguamenti degli statuti degli enti del terzo settore

Adeguamenti degli statuti degli enti del terzo settore

Con la riforma del Terzo Settore, gli adeguamenti statutari delle ONLUS, Organizzazioni di Volontariato (OdV) e Associazioni di Promozione Sociale (A.P.S.) iscritte negli appositi elenchi sono esenti da imposte. Per gli altri enti, tali agevolazioni si avranno solo dopo l'iscrizione al Registro Unico Nazionale degli enti del terzo settore (RUN) la cui istituzione probabilmente slitterà al 2020.
Ciò significa che per tali ultimi enti le modificazioni scontano l'imposta fissa di registro (euro 200) e l'imposta di bollo.

Per le imprese sociali la scadenza dell'adeguamento era prevista per lo scorso 20 gennaio, mentre per le ONLUS, O.d.V. e A.P.S. il termine è stato prorogato al 3 agosto 2019.

Detti enti devono adeguarsi per potersi iscrivere al Registro Unico Nazionale e in mancanza non potranno continuare e mantenere le attuali qualifiche.

Le modifiche di "mero adeguamento" possono essere approvate con le maggioranze dell'assemblea ordinaria e ciò per facilitare gli enti con numerosi associati i quali potrebbero avere difficoltà a raggiungere le maggioranze qualificate dell'assemblea straordinaria.


In caso però di inosservanza di detto termine cosa succede?

Sembrerebbe possibile egualmente procedere agli adeguamenti anche successivamente ma con le maggioranze previste per l'assemblea straordinaria.

La scadenza del termine non dovrebbe comportare la perdita automatica delle qualifiche in capo gli enti interessati e non dovrebbe impedire l'iscrizione al RUN.

Specifiche sanzioni sono previste per le imprese sociali che non si adeguano, dal decreto legislativo 112/2017: in particolare é prevista la nomina di un commissario ad acta.

Estendere tali sanzioni agli altri enti sembra eccessivo anche perché è sempre possibile il "sollecito" di documentazione a sensi dell'articolo 54 decreto legislativo 117 /2017 e solo dopo il mancato adeguamento è prevista la cancellazione dell'ente dal RUN.

Riflessi potrebbero esserci però sul piano delle agevolazioni fiscali e della tenuta del bilancio e della contabilità.