Deleghe e procure

Home/Deleghe e procure
Deleghe e procure 2017-03-08T09:34:15+00:00

la procura notarile

Tutte le volte in cui una persona è impossibilitata o impedita, per vari ragioni, a presentare documenti, istanze, sottoscrivere atti, contratti, può farsi sostituire da altri.

Con il termine procura si intende l’attribuzione della facoltà di farsi rappresentare da altri nel compimento di atti e contratti.

La procura può essere generale o speciale, a seconda dell’ampiezza della delega, nella generale la sostituzione riguarda tutti gli affari  o comunque categorie di affari e atti, mentre nella procura speciale la sostituzione riguarda singoli atti, singoli affari, un determinato specifico atto.

La procura è ammessa in tutti gli atti in cui è possibile farsi rappresentare: non è ammessa negli atti personalissimi quale il testamento mentre è ammessa nel matrimonio, il cosiddetto “matrimonio per procura” (art. 144 c.c.).

Quanto alla forma deve rispettare le regole previste per l’atto o il contratto da stipulare: forma scritta, autenticata (procura per alienare un immobile) o atto pubblico (procura per la costituzione di società di capitali).

Il notaio ha competenza generale per rilasciare procura.

Con la procura gli effetti dell’atto o del contratto ricadono su colui che ha rilasciato la procura proprio perchè la procura dà luogo alla sostituzione della persona ad una ed altra ma non degli effetti e conseguenze dell’atto che ricadranno su colui che si è fatto sostituire.

Procura estera

Se il soggetto che deve rilasciare la procura si trova all’estero, potrà rivolgersi ad un’autorità consolare o diplomatica italiana per il rilascio della procura.

Se invece si rivolge a un notaio del luogo, la procura dovrà essere legalizzata (salvo il caso di esenzione) e poi tradotto in lingua italiana per poter essere utilizzata in Italia.